La fondatrice e Presidente Rosita Romor

La Vostra Presidente

Rosita Romor


 



Grazie Maestro, le tue gioiose parole sono la realtà di un reciproco sentimento e vera amicizia, solo chi ha la fortuna di conoscerti comprende la tua dimensione, come la straordinaria armonia delle tue opere.

 
Con affetto,
Rosita






ECCO LE PAROLE DI CHI CONOSCE ROSITA, COLLABORA CON LEI E HA RICEVUTO DA LEI AIUTO E SOSTEGNO:


Miriam
"Ricordo perfettamente il giorno in cui ho avuto la fortuna di conoscere Rosita, era un sabato di ottobre 2008, ben presto ebbi la certezza che avevo posto le mie speranze e rassicurazioni sulla persona giusta. Ancora non avevo una diagnosi di tutte le mie problematiche di salute, dopo breve tempo da una visita reumatologica mi fu confermata la FIBROMIALGIA. Ero stanca di sentirmi dire che ero un'ammalata immaginaria, ma è proprio vero che Dio non toglie mai tutto! Rosita mi ha accolto, ascoltato, confortato come neanche una mamma sa fare, mi ha insegnato a lottare con la malattia che per ora in ITALIA ha solo un nome.

Ha dato tanto a me e a tutti quelli come noi che sono ammalati, non si è mai arresa davanti agli innumerevoli ostacoli ed è riuscita con le sue forze (e con l'aiuto di pochi volontari) a fondare l'associazione Onlus A.N.FI.SC ed è arrivata ad ottenere un CENTRO DI RIFERIMENTO NAZIONALE per la ricerca sulle 3 patologie, che si trova all' Università di Borgo Roma a Verona. Il suo obiettivo primario era ed è RICERCA e devo dire che ha dato anima e corpo per centrare il suo bersaglio e ci è riuscita alla grande, grazie anche alla fiducia che molti medici (che abbiamo all'interno della nostra Associazione) hanno riposto in lei; l'altro obiettivo è raggiungere il riconoscimento a livello Nazionale delle 3 patologie.
Rosita ROMOR, tu hai già vinto dove molti si sarebbero arresi, ti ringrazio col cuore per quello che hai fatto di importante per noi ammalati e auguro a te un futuro di gratificazioni meritate per la tua tenacia, onestà, e per la tua umanità verso il prossimo.
GRAZIE Rosita di esistere."


Simonetta

"Non ricordo il tempo che la conobbi, ma sentii subito che potevo riporre in Rosita tutta la mia fiducia.
Donna forte nelle sue convinzioni, leale, combattiva, seppure la malattia la divora, non smette di combattere, attraversa l'Italia in lungo e in largo, tra mille difficoltà e porte chiuse in faccia, tra mille illusioni e tra mille beffe di chi le vuole portare via l'onore di aver creato l’associazione.
Donna di animo sensibile, aperta al dialogo, ho trovato forza nei suoi occhi, nei suoi abbracci, nella sua tenacia.
Spero possa avere tutta la soddisfazione che si merita per quello che ha fatto, per quello che sta facendo e per quello che farà, finché lei ci sarà io sarò al suo fianco a sostenerla.
L'ANFISC lo ha creato Lei, una sua creatura, un suo progetto, io ci credo e credo si potrà dimostrare trovando i marcatori per le tre patologie tuttavia correlate e collegate tra loro per far capire a tanti medici che non siamo pazzi, non soffriamo di disturbi depressivi.
Viviamo nel dolore costante, stringiamo i nostri denti e andiamo avanti, a volte con delle difficoltà maggiori, che ci mettono a dura prova, chi ci vede da fuori, vede un involucro a volte intatto e mette davvero in discussione il nostro dolore, perché questo non è dimostrabile.....
Rosita è una forza della natura, una persona che ha ancora dei valori, che crede in ciò che fa, nella sua grande semplicità di Donna, di persona; sa trasmettere fiducia e speranza.
Grazie Rosita!"


Leonilda

"Sono fortunata ad averla conosciuta nella malattia, è la mia Presidente, ma soprattutto un'amica su cui posso contare.
Lei con il suo bagaglio di sofferenza, io che non sapevo dove sbattere la testa per questa malattia.
E' stato per caso che ci siamo conosciute, una sera con altre ammalate, ed è stato "amore" a prima vista, le ho parlato di me, di come ero avvilita per questa condizione, per la malattia che mi stava invalidando e non capivo perché stavo così male. Lei comprensiva com'è, mi ha ascoltata e ci siamo subito trovate in sintonia, capiva il mio linguaggio, la mia sofferenza.
Lei mi disse: mettiamo in piedi un'associazione per far conoscere la nostra sofferenza, il nostro dolore e per far valere i nostri diritti di malati. Così ci siamo messe in moto in quel lontano 2007, con altri ammalati, trovando mille ostacoli, ma lei non si è mai arresa, convinta del suo percorso e dei suoi progetti, con tanto amore e devozione ha portato avanti l'Associazione per il bene di tutti noi.
Io le voglio un bene dell'anima.
E' una persona che si presta per tutti e ha tante qualità: generosa, aperta, solare, ottimista, divertente, onesta e sincera, praticamente una persona vera, semplice e affidabile, gioiosa per la vita e fa tutto con amore, una persona disponibile e premurosa, ma soprattutto umile. Io devo ringraziarla non una volta, ma mille volte, per tutto quello che fa per noi ammalati; porta avanti l'Associazione con grande impegno e fatica, essendo anche lei malata di dolore cronico, ma con la caparbietà di arrivare agli obbiettivi prefissati, lottando con le poche forze che gli concede la malattia e contro persone invidiose e cattive.
Io sarò sempre al suo fianco per sostenerla.
Ancora un GRANDE grazie Rosita."

Monica

"Scrivere qualcosa di Rosita, cercando di non essere banali, è molto difficile.
La conosco da quattro anni e posso affermare che è una persona molto combattiva con un carattere di ferro che nemmeno la malattia è riuscita a piegare.
E' un grande esempio per noi, ha fatto della sua battaglia la nostra e malgrado il poco aiuto che riusciamo a darle sta facendo di tutto per noi.

GRAZIE Rosita."

 


Noi tutti vorremo che Rosita entrasse in sanità per occuparsi del dolore cronico e delle nostre patologie per l’impegno che ha dimostrato nel portare avanti l' A.N.FI.S.C-Onlus e gli obiettivi raggiunti con i fatti e non a parole.